Studio Doiz

Associazione culturale – Ravenna

Arti visive

Honesty of matter

  • Italy. Torino. Mucho Mas! Artist-run space. 2019. Caterina Morigi

Caterina Morigi, Napoli 2019
Installazione, porcellana dipinta e pietra, 24 elementi

Cosa si ottiene mettendo a confronto copia e originale? Quale tra i due elementi è destinato a soccombere o deperire? Non è usuale vedere un oggetto e la sua rappresentazione accostati.
Honesty of matter pone questi interrogativi. Prodotto in collaborazione con Real Fabbrica di Capodimonte. Display by Sara Ricciardi Studio. Ph. courtesy Mucho Mas! e Nicola Mriddu.


Quaderni

Caterina Morigi, 2012 – oggi
Inchiostri su carta, 12 elementi

L’intento del progetto è guidare l’attenzione sui microscopici dettagli scaturiti da un iniziale errore, poi perpetuato volontariamente: la macchia.
L’inchiostro entra nelle fibre creando disegni inaspettati e piccolissimi, influisce nelle seguenti pagine bianche, e con altro inchiostro viene evidenziata la traccia del colore che ha oltrepassato la carta, creando come piccoli arcipelaghi, o nuove forme di vita.


Seuils

Caterina Morigi, Normandia e Bretagna 2014
Fotografia, scansione da negativo a colori, stampa, serie di 30 fotografie

Il progetto Seuils nasce come riflessione sulle impronte visive, le immagini che restano negli occhi a seconda di cosa guardiamo e dei luoghi in cui viviamo.
L’attività di guardare è un’intenzionalità che presuppone una scelta di una parte del campo visivo, che si traduce in fotografia nella selezione di una porzione di spazio da includere nel quadro.
Una moltitudine di texture naturali compone la serie realizzata in Francia.


All’eternar le opere

Caterina Morigi, Venezia, 2015
Installazione, pietre provenienti da Venezia, inchiostri

Tibullo scriveva “Longa dies molli saxa peredit aqua“, ovvero “tempo occorre che le gocce d’acqua corrodano le pietre”. Ancora oggi la roccia viene comunemente associata ad una durata che tende all’infinito: la si pensa come uno dei materiali più resistenti presenti in natura.
Ma se si osservano i marmi dei palazzi veneziani, la percezione che avremo sarà differente. A Venezia il tempo registra le sue tracce molto più velocemente di quanto si pensi.